Dicembre 2016

30



Bulldog








a b c d e f g

Standard Bulldog Inglese dal 2004 al 2010

ASPETTO GENERALE:

Pelo corto, tarchiato, piuttosto basso, largo possente e compatto. Testa abbastanza grande in rapporto alla taglia, ma nessuna caratteristica deve essere tanto esagerata in rapporto alle altre da distruggere la simmetria generale, o fa apparire il cane deforme, o da interferire con le sue possibilit di movimento. Faccia corta, muso largo, smussato, inclinato verso lalto. I cani che mostrano difficolt di respirazione sono molto indesiderati. Corpo corto, compatto, Senza tendenza allobesit. Membra solide, ben muscolose e robuste. Arti posteriori alti e forti, ma piuttosto leggeri in paragone alla pesante parte anteriore. Le femmine non sono cos imponenti e ben sviluppate come i maschi.

TEMPERAMENTO:

Il Bulldog deve trasmettere l' impressione di determinazione, energia e attivita'. Deve essere vigile, audace, leale, fidato, coraggioso, fiero allapparenza, ma di natura affettuosa.

TESTA:

Vista di lato, la testa appare molto alta e corta dalla nuca alla punta del naso. Fronte piatta, con pelle rilasciata e finemente rugosa sopra e attorno alla testa, n prominente n spiovente sulla faccia. Proiezioni delle ossa frontali prominenti, larghe, squadrate e alte. Dallo stop, un solco largo, profondo e chiaramente visibile, si estende al centro del cranio e fino alla sua sommit. Faccia dal davanti degli zigomi al naso, corta e con pelle rugosa. La distanza dellangolo interno degli occhi (o dal centro dello stop tra gli occhi) allestrema punta del naso, non deve eccedere la distanza tra la punta del naso e il margine del labbro inferiore.

CRANIO:

Cranio: Cranio di grande circonferenza. Visto di fronte appare molto alto allangolo della mascella inferiore alla sua sommit; e anche molto largo e quadrato. Stop: E un profondo e ampio incavo tra gli occhi.

FACCIA:

Vista di fronte, le varie parti della faccia devono essere equamente distribuite tra i due lati di una linea immaginaria che perpendicolarmente divide in due le parti la testa nel suo mezzo. Naso: Naso e narici grandi, larghi e neri, per nessuna ragione di colore fegato, rosso o marrone; le sommit del tartufo deve essere rivolta allindietro verso gli occhi. Narici grandi, ampie e aperte, con una ben definita linea diritta e verticale che le divide. Muso: Muso corto, largo, rivolto allins e molto profondo dallangolo dellocchio a quello della bocca. La ruga a rotolo posta sopra il naso non deve interferire con la linea del layback.

Labbra: Labbra superiori (chops) spesse, larghe, pendenti e molto discese, e devono pendere sopra la mascella inferiore sui due lati, non davanti, e congiungersi con il labbro inferiore e coprire completamente i denti.

Mascelle / denti: Mascelle larghe, forti, quadrate, quella inferiore sopravanza davanti quella superiore e si incurva verso lalto. Mascelle larghe e quadrate con sei piccoli denti anteriori tra i canini (incisivi n.d.r.) bene allineati. Canini molto distanziati. I denti, grossi e forti, non si devono vedere quando la bocca chiusa. Vista dal davanti, la mascella inferiore (mandibola n.d.r.) deve essere centrata con quella superiore, e tra loro devono essere parallele.

Guance: Guance ben arrotondate e che si estendono lateralmente fin dietro gli occhi.

Occhi: Visti di fronte, devono essere situati in basso nel cranio, ben lontani dalle orecchie. Gli occhi e lo stop devono essere situati in basso nel cranio, ben lontani dalle orecchie. Gli occhi e lo stop devono essere sulla stessa linea diritta che forma un angolo retto con il solco frontale. Devono essere ben distanziati, ma il loro angolo esterno deve essere allinterno del profilo delle guance. Devono essere di forma rotonda, di grandezza moderata, n infossati n prominenti, molto scuri quasi neri non si deve vedere il bianco dellocchio quando il cane guarda direttamente davanti. Non devono presentare evidenti problemi oculari.

Orecchie: Collocate alte, e il bordo inferiore di ciascuna orecchia (vista dal davanti) deve unirsi al profilo esterno del cranio nel suo angolo pi alto, cos che le orecchie siano situate il pi lontano tra loro, il pi in alto e il pi distante dagli occhi possibile. Devono essere piccole e fini. La forma corretta quella a rosa, cio sono ripiegate verso linterno nella parte posteriore, e il margine superiore o frontale si curva verso lesterno e verso lindietro, lasciando vedere parte dellinterno del ricciolo che si forma (parte del padiglione auricolare interno n.d.r.).

COLLO:

di moderata lunghezza, molto grosso, profondo e potente. Bene arcuato superiormente, con molta pelle rilasciata, spessa, e a grosse pieghe attorno alla gola, in modo da formare una giogaia da ciascuna parte fra la mascella inferiore e il petto.

CORPO:

Linea dorsale: leggermente in discesa sul dorso fino a dietro le spalle (la parte pi bassa), donde la spina dorsale deve risalire fino al rene (la cui sommit deve essere pi alta di quella delle spalle), curvandosi poi bruscamente fino alla coda, formando un arco (chiamato roach back) che caratteristica distintiva della razza. Dorso: Dorso corto, forte, largo alle spalle, e relativamente pi stretto ai reni.

Torace: Torace largo, arrotondato lateralmente, prominente e profondo. Tronco ben delineato dalle costole dietro agli arti. Regione sternale capace, rotonda e molto profonda dalla sommit delle spalle alla sua parte pi bassa, dove si congiunge al petto, ed bene abbassata tra gli arti anteriori. Deve essere di grande diametro, arrotondata dietro le zampe anteriori (non appiattita lateralmente ma con costole bene arrotondate).

Addome: retratto e non cascante.

CODA: attaccata bassa, con uscita piuttosto diritta, per poi curvarsi verso il basso. Rotonda, liscia e priva di frange o di pelo grossolano. Di lunghezza moderata piuttosto corta che lunga grossa alla radice, si assottiglia rapidamente fino ad una punta sottile. Rivolta verso il basso (non deve presentare una decisa curva verso lalto alla fine), e mai portata sopra il dorso.

ARTI:

ARTI ANTERIORI:

Molto robusti e forti, ben sviluppati, ben distanziati tra loro, grossi, muscolosi e diritti, presentano un profilo esterno un po incurvato, ma le ossa delle zampe devono essere grosse e diritte; gli arti non devono essere n storti n curvi, e sono corti in rapporto a quelli posteriori, ma non tanto corti da far apparire il dorso lungo, o da interferire negativamente sulle possibilit di movimento del cane, facendolo cos apparire storpio.

Spalle: Spalle ampie, oblique e profonde, molto potenti e muscolose, che danno limpressione dessere state applicate al corpo.

Gomiti: bassi e ben distaccati dalle costole.

Pasturali: corti, diritti e forti.

ARTI POSTERIORI:

arti grossi e muscolosi, pi lunghi di quelli anteriori, in modo da rialzare le reni. Gambe muscolose e larghe dalle reni al garretto; la parte pi bassa deve essere corta, diritta e forte.

Grassella: le articolazione dei ginocchi devono essere rotonde e rivolte leggermente allinfuori.

Garretti: I garretti in questo modo vengono ad essere ravvicinati uno all' altro e i piedi posteriori leggermente rivolti in fuori. Garretti leggermente piegati (angolati n.d.r.) e ben discesi.

PIEDI:

Anteriori, in appiombo e leggermente rivolti allinfuori; di media grandezza e moderatamente arrotondati. I posteriori devono essere rotondi e compatti. Dita compatte e grosse, ben separate, con nocche prominenti e rilevate.

ANDATURA:

Particolarmente pesante e rigida, sembra che il cane cammini a passi veloci e brevi sulla punta dei piedi, senza sollevare quelle posteriori che pare sfiorino il terreno, e che corra con una delle spalle un po in avanti. Il vigore e la correttezza del movimento sono destrema importanza.

MANTELLO:

PELO:

di tessitura fine, corto, fitto e liscio (ruvido solo perch corto e fitto, ma non ispido).

COLORI:

uniformi o macchiati (per esempio colore uniforme con maschera o muso neri). Solo colori uniformi (che devono essere brillanti e puri), che sono il Viz. (dal latino videlicet che significa fatto di due elementi n.d.r.), il tigrato, il rosso in tutte le sue sfumature, il fulvo, il bianco screziato (ad esempio la combinazione di bianco con qualsiasi colore prima citato). Il color fegato, il nero e il nero focato sono altamente indesiderati.

PESO:

maschi 25 Kg ( 55 libbre ). Femmine 23 Kg . ( 50 libbre ).

DIFETTI:

ogni discrepanza da quanto richiesto nei punti precedenti deve essere ritenuta un difetto, e la severit con la quale il difetto deve essere considerato deve essere in esatta proporzione al suo grado e alle sue conseguenze sulla salute e il benessere del cane.


Confrontare due Allevamenti di Bulldog allo scopo di rilevarne la diversita' o le congruenze e' impegno dell' Acquirente e dell' Esperto Giudice. Questo confronto sulla Selezione offettuata da due Allevatori Esperti valuta il loro Differente Indirizzo nel Miglioramento della Razza Canina all' Interno di un Programma di Allevamento che tende al Progressivo raggiungimento della Perfezione che coincide con il proprio Ideale di Cane Bulldog legato alle diverse Interpretazioni alle quali si presta lo Standard della Razza. Questa Capacita' degli Allevamenti di Bulldog Inglese di rilevare Selettivamente le Imperfezioni rende questo Lavoro interessante e giustifica l' impegno delle Imprese Agricole che si dedicano a questo Cane Inglese.

Confrontare due Bulldog Inglesi allo scopo di valutarne la diversita' o rilevarne le affinita' e' compito dell' Allevatore Sagace, Avveduto, Saggio, Esperto e Consapevole e si definisce Selezione che si contrappone all' Accozzamento di Bulldog Inglesi e all' Atteggiamento Velleitario perennemente smentito dai fatti. I Bulldog Inglesi dell' Allevamento dovrebbero essere suscettibili di un confronto che renda possibile una valutazione di parita'. Il progredire dell' Allevamento di Bulldog Inglese e' una Conclusione dedotta logicamente da una Premessa, uno Sviluppo di un Dato di Fatto in conformita' di un Ragionamento che conseguita dalla Comparazione. La possibilita' di un Bulldog inglese consentaneo di essere appreso con maggiore o minore certezza dipende dalla Facolta' dell' Allevatore di prender coscienza di un Dato di Fatto che concerne la capacita' di acquisire sul piano Logico e dell' Esperienza. L' Allevatore di Bulldog Inglesi rendendosi pienamente conto delle conseguenze e' cosciente e informato del Dato di Fatto e dei suoi possibili sviluppi che seguono immediatamente nel tempo e a lungo termine. Nell' Allevamento del Bulldog Inglese l' avvedutezza e la capacita' di individuare il da farsi per giungere a una conclusione sono in rapporto di interdipendenza con la capacita' di Comparazione.

Un Cane Campione di Bulldog e' difinibile tale a seguito della considerazione dei Pregi e dei Difetti, per essere un Bulldog con Eccezionali Pregi oppure per essere un Bulldog con Eccezionale carenza di Difetti. Una coerente esemplificazione di quanto detto si puo' riscontrare rispettivamente nei due Campioni di Bulldog Striker e Polly presenti su questo sito. I Pregi di Striker sono dovuti ad una eccezionale Tipicita' che rappresenta nel migliore dei modi le piu' Conosciute Doti di Spettacolarita' della Razza Canina mentre l' Assenza di Difetti di Polly e' piu' intrinseca e ravvisabile maggiormente al Livello di Allevatori di Bulldog e nelle Manifestazioni Canine con Graduatorie. Se sia piu' difficile, per un Allevatore ottenere Cani della prima o della seconda categoria e' difficile stabilirlo essendo in entrambi i casi, Striker e Polly, considerabili come eventi eccezionali e, per questo definibili come Cani Bulldog Inglese Campioni. La eccezionalita' di questi eventi e' facilmente dimostrata dalla loro Vittoria nella Esposizione Canina Internazionale di Milano e dal notevole successo del sito internet a loro dedicato, con quasi un milione e mezzo di visitatori che hanno avuto modo di apprezzarli. Tutti i proprietari di Bulldog, e anche gli Allevatori, vorrebbero avere Cani Campioni come Striker e Polly, pero', pur non essendo questo possibile, questi due Campioni Bulldog hanno dato il loro contributo al Miglioramento ed alla Diffusione della Razza Canina in Italia.

http://www.the-bulldog.com/
originalbulldogclub@gmail.com - Grafica/Contenuti: Dott. M. Abbondandolo - t. 3383881841 - 30 dicembre 2016